Site icon Bologna che cambia

Come affrontare al meglio l’inizio della vita universitaria

affrontare-universita

Parlare di Bologna vuol dire, come ben si sa, chiamare in causa l’università. Iniziare il percorso di studi accademici vuol dire, a prescindere dalla facoltà, dare il via a una parentesi della vita che non si dimenticherà mai (questo vale soprattutto quando la si sperimenta in una location meravigliosa come la nostra città, ma non si tratta dell’argomento di questo articolo).

Per fare in modo che il passaggio sia il più sereno possibile, è bene seguire alcuni consigli che elenchiamo nelle prossime righe.

L’importanza della conoscenza dell’inglese

Anche se hai scelto una facoltà che non richiede il test e, di riflesso, non hai dovuto mettere subito alla prova la tua conoscenza dell’inglese, in qualche modo con la lingua anglosassone avrai a che fare durante il tuo percorso di studi.

Approfitta di un momento di forte carica motivazionale come l’inizio dell’università per scegliere, tra i tanti corsi inglese Bologna, il migliore per le tue esigenze.

Soprattutto se si vuole arrivare preparati all’università, nel corso della quale, oggi più che mai, è frequente avere a che fare con interi corsi in lingua, è opportuno orientarsi verso realtà che insegnano con il metodo naturale, ossia quello che parte con il focus sui fonemi, per arrivare alla composizione delle parole e, infine, alle frasi (si tratta del metodo che tutti noi usiamo per imparare la nostra lingua madre).

Questo metodo è applicato da diverse scuole famose, tra le quali è possibile chiamare in causa Wall Street English (che mette a disposizione fino al 31 marzo 3 mesi di corso gratis a chi si iscrive a percorsi di almeno 12 mesi).

Evita di isolarti

In un momento di grande cambiamento come quello dell’inizio dell’università, evita di isolarti e coltiva relazioni che ti fanno bene, a prescindere che siano legate o meno al passato.

Sfrutta al massimo il servizio di tutoraggio

I servizi di tutoraggio disponibili presso l’università possono rivelarsi un valido punto di riferimento per chi è all’inizio del proprio percorso accademico.

Possono aiutare a risolvere diverse problematiche importanti, come per esempio la scelta del piano di studi. In corso di anno accademico, il tutoraggio fornisce un aiuto nella preparazione degli esami in caso di concreta difficoltà.

Ricordati che non sei solo

Sentirsi un pesce fuor d’acqua quando si inizia l’università è normalissimo. L’importante è ricordarsi di non essere da soli e che il fatto di affrontare i medesimi ostacoli può rappresentare un collante per la costruzione di relazioni e per la nascita di momenti di condivisione costruttivi.

Migliora la qualità degli obiettivi

Il percorso universitario è una parentesi che permette, anche e soprattutto in vista dell’ingresso nel mondo del lavoro, di migliorare la qualità dei propri obiettivi.

Fin da subito è possibile, pensando agli esami, ottimizzarla notevolmente. Un obiettivo di qualità riguardante il raggiungimento dei vari traguardi di studio deve essere raggiungibile, definito nel tempo, dipendente dalla volontà e dall’impegno del singolo studente, compatibile con i suoi valori.

Prima di iniziare a studiare concretamente, un suggerimento molto interessante prevede il fatto di dedicare del tempo a degli esercizi di visualizzazione, nel corso dei quali è opportuno immaginare la propria persona in maniera il più possibile precisa nei momenti in cui si sperimentano gli effetti del raggiungimento degli obiettivi legati agli esami.

Non aver paura delle emozioni negative

L’inizio dell’università rappresenta, come già detto, un grandissimo cambiamento. Può essere quindi naturale avere a che fare con momenti di notevole scoramento. Non aver paura di queste emozioni negative e, in caso, chiedi aiuto a un professionista.

Il rischio, non facendolo, è quello di non ascoltarsi a sufficienza e, in alcuni casi, di proseguire lungo un percorso che non si sente affine ai propri sogni, mettendo quindi da parte la felicità.

Exit mobile version