Via Ugo Bassi I vetturini di via Ugo Bassi nel 1890 ca. Foto P. Poppi Via Ugo Bassi nei primi del Novecento. A destra via Oleari, a sinistra via del Carbone. Dal 1919 via Venezian I vetturini di via Ugo Bassi nel 1890 ca. Foto P. Poppi La fine di via Ugo Bassi e l'inizio di via San Felice nei primi anni del Novecento I vetturini di via Ugo Bassi nel 1890 ca. Foto P. Poppi Via Ugo Bassi nel punto dove sfociava via del Poggiale (oggi Nazario Sauro), nel 1905 ca. I vetturini di via Ugo Bassi nel 1890 ca. Foto P. Poppi Il tratto di via Ugo Bassi che un tempo si chiamava San Felice fino a via del Poggiale (oggi Nazario Sauro), nel 1910 I vetturini di via Ugo Bassi nel 1890 ca. Foto P. Poppi Palazzo Ghisilieri, poi Hotel Brun, nei primi anni del Novecento I vetturini di via Ugo Bassi nel 1890 ca. Foto P. Poppi L'ngresso del mercato delle erbe in via Ugo Bassi in questa immagine del 1911 I vetturini di via Ugo Bassi nel 1890 ca. Foto P. Poppi Via Ugo Bassi, giÓ via dei Vetturini durante i lavori di allargamento. Foto del 1933 ca. I vetturini di via Ugo Bassi nel 1890 ca. Foto P. Poppi I vetturini di via Ugo Bassi nel 1890 ca. Foto P. Poppi BolognaCheCambia Via Ugo Bassi angolo Giacomo Venezian nei primi anni Venti, prima degli allargamenti iniziati nel 1925. Foto D'Ajutolo Per lungo tempo, via Ugo Bassi, venne considerata divisa in vari tratti con nomi diversi: il primo tratto da Via dell’Indipendenza a via Oleari, il secondo da via Oleari a via Nazario Sauro, il terzo da via Nazario Sauro a Via Guglielmo Marconi. Il primo tratto è rimasto più o meno invariato, strutturalmente parlando. Da una parte palazzo d’Accursio, come ora, dall’altra parte  il   portico della Gabella o della Dogana. Tuttavia le denominazioni erano diverse in relazione alla presenza di rivenditori di determinate merci con i loro posteggi, in una sorta di logico prolungamento della via Fieno e Paglia, poi del Carbone (oggi via Giacomo Venezian). Nomi pieni di fantasia,  come Volte dei Pollaroli, piazza degli Ortolani o piazza delle Erbe, piazza Purcina, via della Dogana nuova. Fu anche chiamata piazza Imperiale, con riferimento alla sosta di Carlo V a Bologna nel 1530. Volta dei Barbari era chiamato il secondo tratto: qui voltava per via Pietrafitta (oggi via Montegrappa), la corsa del palio in onore di San Petronio; i fantini montavano cavalli berberi. Fu detta anche via Nuova della Volta dei Barberi e via dei Vetturini. L’ultimo tratto fu considerato una prosecuzione di via San Felice. La denominazione definitiva della via risale al 1874. In questa strada erano situati i migliori alberghi e locande della città fra cui l’albergo del Pellegrino, dove alloggiavano gli intellettuali per tutte le comodità che offriva, ma soprattutto l’Hotel Brun che sorgeva dove adesso c’è il palazzo del Toro e che  crollò sotto il bombardamento del 24 luglio 1943. Via Ugo Bassi ha preso la sua attuale “fisionomia” a seguito degli abbattimenti effettuati sul lato meridionale della strada a partire dal 1925 fino al 1930. Fotografie storiche